Prenota la tua visita

Prick test

Allergologia

Prick Test

Il prick test è lo strumento essenziale per la diagnosi delle reazioni d’ipersensibilità immediate, ovvero delle allergie a pollini e/o alimenti.

Viene eseguito a livello ambulatoriale in circa mezz’ora, ed è un test assolutamente non invasivo ed indolore.

I pazienti affetti da rinite, asma, congiuntivite, dermatite atopica possono effettuare questo test per ricercare gli allergeni responsabili della comparsa dei loro sintomi cutanei e/o respiratori, al fine di applicare norme di prevenzione e attuare la terapia più adatta.

Contattaci per fissare il tuo appuntamento!
Richiedi l'appuntamento

Come si svolge il prick test

Il test viene eseguito posizionando una goccia di un estratto allergenico (di tipo alimentare o inalante: polline, derivato degli acari della polvere o degli animali domestici, ecc.) sulla cute del paziente.

La cute della zona scelta per l’esecuzione del test è abitualmente la faccia volare degli avambracci oppure il dorso. Successivamente il medico va a pizzicare (“prickare”) la cute sottostante la goccia allergenica con una lancetta sterile (solitamente di plastica o acciaio).

Cosa succede durante il prick test

Durante l’applicazione dell’allergene sarà necessario usare una lancetta sterile differente per ciascun allergene, per evitare la contaminazione tra estratti diversi.

In questo modo l’allergene viene inoculato nello strato più superficiale della cute e può venire a contatto con le IgE presenti sulla superficie dei mastociti.

Dopo circa 15-20 minuti di attesa, la cute viene esaminata per valutare eventuali reazioni positive ad uno o più allergeni, che si presentano come pomfi tondeggianti e rilevati, del diametro di alcuni millimetri, pruriginosi e contornati da eritema. I pomfi appaiono in tutto e per tutto analoghi a “punture di zanzara”.

Oltre il prick test

Per una migliore accuratezza diagnostica, oltre al prick test con allergeni (alimentari o inalanti), vengono eseguiti anche un controllo positivo ed uno negativo.

Il controllo positivo, con istamina, serve per valutare la reattività cutanea e può risultare negativo (non reattivo) in caso di terapia con antistaminici o in altri casi di ipo-anergia della cute; in questi casi, il risultato del prick test non è attendibile.

Il controllo negativo, che viene effettuato con soluzione salina o glicerina, serve per documentare eventuale iperreattività cutanea: anche in questo caso, se risulta positivo, il risultato del test non è attendibile.

Il dermatologo, al termine della visita, fornirà al paziente la lista degli allergeni a cui è risultato positivo, le strategie per evitarli, e una terapia specifica.

Domande frequenti

Quali precauzioni sono necessarie prima di eseguire il prick test?
Cosa devo fare dopo il prick test?
logo nicolo rivetti mobile
Orari di apertura

Lun - Sab 09.00 - 18.00